Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Sora Ggiuvanna mia, a sto monnaccio
È stato un gran cardeo chi cc’è vvienuto!
Nun era mejjo de pijjà un marraccio
E d’accoppasse cor divin ajjuto?

Su la porta der monno ce sta:
Spaccio De guaïnelle a l’ingrosso e a mminuto:
De malanni passati pe ssetaccio:
De ggiojje appiccicate co lo sputo.

Da regazzi, la frusta sce sfraggella,
Da ggioveni, l’invidia de la ggente,
E da vecchi, un tantin de cacarella.

Bbasta, ggià cche cce semo, alegramente:
E nun ce famo dà la cojjonella
Cor don-der-fiotto che nun giova a ggnente.

17 gennaio 1832

Questa poesia è stata letta 460 volte