Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

UN CARZOLARO CHE SE FIDA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

— Doppo avé messo le scarpette ar piede
m'ha dato un cento. — Eh, dico, nun ciò el resto
— Bè' — dice — cambio e torno, faccio presto... —
Ma è già passato un quarto e nun se vede!

Io che dovevo fa'? Come succede,
j'ho detto: — Oh vadi puro, in quanto a questo —
Nun so' ito a pensà ch'era un pretesto
pe' truffà un poveraccio in bona fede!

Abbasta: io mó telèfeno in questura;
nun se ponno sbajà: cià la pajetta,
li pantaloni blu, la giacca scura...

Uh! zitto, che ritorna... apre la porta...
— Riverito, signore... ih, quanta fretta!
Me li poteva dare un'antra vorta!



Questa poesia è stata letta 897 volte