Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Se Giggia è nevrastenica? Accidenti!
Perché vorebbe un fijo, ecch'er motivo:
ma a sessantanni e più, come ciarivo?
E, nota, che mi' moje ce n'ha venti!

Dice: — Tu nun sei bono... — Eh, — dico — senti!
Nun sarò bono, ma nun so' cattivo:
in fonno ciò un carattere espansivo:
bisogna, Giggia mia, che te contenti... —

Jeri m'ha chiesto: — Che fascista sei?
— Der diciannove; — j'ho risposto io —
però so' nato ner cinquantasei.

Come pretenni che ce scappi un fijo?
ma manco se viè giù Dommineddio,
manco se s'ariunisce er Gran Consijo!

II

E mó che s'è affissata in quer pensiero
va a letto senza dimme 'na parola,
mette la testa sotto a le lenzola,
piagne, sospira e vede tutto nero.

Mi' socera ogni tanto la consola:
— È un anno ch'hai sposato: mica è vero...
— No, — dice — da l'assieme nun ce spero:
è destinato ch'ho da restà sola! —

Io ch'ho da fa'? Sto zitto, la sopporto,
e la matina, appena che me svejo,
la guardo e penso: — Nun aveva torto! —

Defatti, lei, la prima notte, a Napoli,
me disse: — Ah, Pippo mio, quant'era mejo
se pagavi la tassa su li scapoli!



Questa poesia è stata letta 2273 volte