Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Un anno fa, quann'ero frammassone,
se strignevo la mano d'un fratello
me ricordavo der tinticarello,
ma lo facevo senza convinzione.

Annavo in Loggia pe' giocà a scopone,
a sett'e mezzo, a briscola, a piattello,
con uno scopo solo, ch'era quello
de potè mijorà la condizzione.

Ma da quanno ce chiusero la Loggia
nun trovi più nessuno che ce crede,
nun trovi più nessuno che t'appoggia.

Perché la Fratellanza Universale
che ce riuniva tutti in una fede
finì co' la chiusura der locale.

II

Er frammassone d'oggi, s'è prudente,
pe' sta' tranquillo e fa' la vita quieta,
invece der giochetto de le deta
s'adatta a salutà romanamente.

Così che ce capischi? Un accidente.
Finché l'associazzione era segreta
se sapeva dall'a fino a la zeta,
nome e cognome d'ogni componente.

Invece mó, che nun è più un mistero,
chi riconosce er frammassone puro?
chi riconosce er frammassone vero?

chi riconosce er frammassone esperto
che, nun potenno lavorà a lo scuro,
te dà le fregature a lo scoperto?



Questa poesia è stata letta 1021 volte