Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Siccome sto de casa co' mi' zio,
ch'adesso è monsignore, je fo vede
che l'ubbidisco in tutto quer che chiede
pe' diverse raggioni che so io.

— Nun biastimà! — me dice: e ce pôi crede
che nun me scappa più manco un perdio.
Dice: — Ce vô più fede, caro mio... —
e m'è cresciuta subbito la fede.

Ciavevo quarche amico frammassone;
dice: — Nun vojo... — E io da bon cristiano
ce parlo d'anniscosto ner portone.

Ma zi' prete, purtroppo, cià er vizziaccio
che, come je do un deto, vô la mano,
e se je do la mano agguanta er braccio.

II

Lui s'è presa la vigna, ch'è un affare,
la casa, la bottega e tutto er resto:
j'ho dato, insomma, quello che m'ha chiesto
pe' fallo scapriccià come je pare.

Ma ancora nun j'abbasta! cór pretesto
che nun vede le cose troppo chiare,
ha scritto un'antra lettera ar compare
pe' dije che vô quello e che vô questo...

Io, se capisce, abbozzo, sputo fiele
e me rimetto a la coscenza mia
che vede Iddio più su de le cannele.

Ma se nun fussi un bon cristiano vero
me farebbe venì la fantasia
de raggionà cór libbero pensiero.



Questa poesia è stata letta 4266 volte