Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Che l'amore sia bello ve l'ammetto,
ma quanno sur più mejo ve sentite
un commissario che ve strilla: — Aprite!
in nome de la legge!... — cambia aspetto!

Io che stavo co' Jole... me capite...
come sento accosì, zompo dal letto,
corro verso la porta e da un bucetto
intravedo du' guardie travestite.

Aprite, aprite! Eh, già! se dice presto!
Se m'acchiappava in quele condizzioni
me dichiarava subbito in aresto.

Fra lei che se strappava li capelli
e io che nun trovavo li carzoni...
Che momenti teribbili so' quelli!

II

Come Dio volle, aprii la porta e allora
er commissario entrò coll'antri appresso.
Io feci er tonto. Dico: — E ch'è successo
pe' venimme a chiamà propio a quest'ora?

— Voi — dice — state qui co' la signora...
C'è la querela der marito stesso...
— Ma scusi, — dico — che nun è permesso,
de faje compagnia mentre lavora?

— Be', — dice — favorischino co' noi...
— In questura? e perché? — dico — Bisogna
ch'io spieghi prima... — Spiegherete poi! —

Intanto, Jole, pallida e confusa
singhiozzava: — Addio onore! Ah che vergogna!
Ce fosse armeno una carrozza chiusa! —

III

Ma er momento più brutto fu er passaggio
tra la folla che stava sur portone:
gente, te dico, senza educazzione,
che nemmanco fra un popolo servaggio.

Dice: — Nun vedi lei? pare un trombone!
— Cià pensato abbonora a piantà maggio!
— E lui, me lo saluti? Che coraggio!
— Se vede che je vanno le tardone... —

Basta: in questura nun ciagnede male
pe' via che nun ce còrsero in fragante,
ma er fatto venne messo sur giornale.

Diceva chiaramente: «La scenata
de la moje infedele co' l'amante,
presa col sorcio in bocca in via Privata!»

IV

Che pe' sarvà l'onore d'un marito
rincojonito — giusto ce fa rima, —
ce sia bisogno de 'sta pantomima,
io, francamente, nu' l'ho mai capito.

Quanno l'onore è perso è bell'e ito;
ma, se la gente nu' lo sa e ve stima,
voi rimanete tale e quale a prima
e sete rispettato e riverito.

Dunque a che giova sputtanà una fija,
che se azzeccava de sposa un antr'omo
era una bona madre de famija,

e dà raggione a lui che j'aritorna
la smania de sentisse gentilomo
solo quanno je rodeno le corna?



Questa poesia è stata letta 3083 volte