Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA TOLETTA DE LA MARCHESA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

I

Quanno je fa er massaggio la matina
la tiè sotto mezz'ora e manc'abbasta.
Come se la lavora! Io so' rimasta
ner vede tutto quello che combina!

Prima l'impiastra co' la vasellina,
poi je passa lo spirito e l'impasta
e l'acchiappa e la pizzica e l'attasta,
la stira, la sculaccia e la strufina.

Lei dice che lo fa co' la speranza
de perde er grasso e rinforzà la pelle
e fa' sparì le crespe de la panza:

ma pe' levaje tutti li ritreppi
e faje regge certe cascatelle,
lo sai che ce vorebbero? li zeppi.

II

Ma la cosa più comica e più bella
è ne le sere quanno c'è serata,
che se presenta tutta infarinata
coll'occhi neri fatti a carbonella.

Ogni tanto se dà quarche passata
de rosso su la bocca de ciafrella,
con una precisione che a vedella
pare un siggillo d'un'assicurata.

Così ne viè che quanno un mammalucco
va pe' bacialla, lei pensa ar colore
e dice: — Bono! ché me levi er trucco! —

In mancanza de mejo, nun è male
che le donne risentino er pudore
attraverso er rossetto artificiale.



Questa poesia è stata letta 887 volte