Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Se pô sapé che diavolo j'ho fatto?
Fra mi' moje, mi' socera e mi' fija,
ciò contro tutta quanta la famija:
forse ce l'ha co' me perfino er gatto!

Se a cena, Dio ne guardi, faccio l'atto
de protestà, succede un parapija;
come me movo, vola una bottija;
appena ch'apro bocca, vola un piatto.

Poi, tutt'e tre d'accordo, vanno via:
allora resto solo e piano piano
scopo li cocci e faccio pulizzia.

Finché arivato all'urtimo pezzetto
m'accènno mezzo sighero toscano,
strillo: Viva l'Italia!... e vado a letto.



Questa poesia è stata letta 2344 volte