Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L'innesto de cavallo, ciacconsento,
in spece s'è d'un legno padronale;
ma quello de somaro pô fa' male,
te pô attaccà l'arterie der talento.

Naturarmente, se te schiaffi drento
er sangue che ciaveva un animale,
succede che je piji er naturale
e creschi co' l'istesso sentimento.

L'innesto der vaccino me lo spiego:
nun porta preggiudizzio... eppoi, d'artronne,
senza de quello manco ciai l'impiego.

Ma puro lì, cór sangue che s'attacca,
l'omo pija der bove, e a certe donne
j'arimane l'istinto de la vacca.



Questa poesia è stata letta 702 volte