Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Parla un portiere

Er saluto me piace perché è bello,
e nessuno lo critica: ar contrario!
Ma se viè usato più der necessario
è come la levata de cappello.

S'io sto qui pe' portiere e m'aranchello
a fa' er pecione pe' sbarcà er lunario,
mica è vero che faccio er leggionario,
che devo arzà la mano a quest'e a quello!

Eppoi chi s'è lagnato? Quer puzzone
de lo strozzino der seconno piano,
che fa er fascista pe' speculazzione.

Io, però, che conosco l'idee sue,
un giorno o l'antro, invece d'una mano,
finisce che je l'arzo tutt'e due.



Questa poesia è stata letta 3618 volte