Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Vanno troppo scollate? E che t'importa?
Fanno vede le gambe? Oh, senti questa!
Per me qualunque donna che protesta
è brutta e vecchia o perlomeno è storta.

Mó nun so' più li tempi d'una vorta
quanno l'onore d'una donna onesta
dipenneva dar tajo d'una vesta
che fosse troppo lunga o troppo corta.

Guarda, presempio, la padrona mia:
quanno se mette l'abbito scollato
nun cià che un fiocco, uno spacchetto e via.

Ma questo va a svantaggio der peccato
perché er lavoro de la fantasia
se riduce a uno spazzio limitato.



Questa poesia è stata letta 1722 volte