Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Appena ch'er dottore arzò l'ombrello
l'avvocato je dette 'no spintone.
— Va' la! — je disse — brutto beccaccione!
— Vecchio ruffiano! — je rispose quello.

Siccome, in fonno, aveveno raggione
venne deciso subbito er duello;
e, jeri, ne la villa d'un castello,
ce fu lo scontro che riuscì benone.

Uno, come risurta dar verbale,
c'ebbe uno sgraffio ar cuojo capelluto
e l'antro ne lo spazzio intercostale.

Doppo de che se dettero la mano:
così er dottore nun è più cornuto
e l'avvocato nun è più ruffiano.



Questa poesia è stata letta 1613 volte