Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Ner vedella vestita da signora,
spaparacchiata drento a la vittoria,
— Che lusso! — dissi subbito — Accicoria,
che pretenzione ch'ha cacciato fòra! —

Tanto che m'arivenne a la memoria
quanno faceva la modella: allora
posava, sì, ma a trenta sòrdi l'ora;
mica annava giranno co' 'sta boria!

Eh, amico mio, se la vedeva brutta!
Era vestita male, era vestita,
tutta stracciata, tutta zozza, tutta...

E adesso, invece, tanta sciccheria!...
Oh, certo: per annà così pulita
deve avé fatto quarche porcheria.

II

L'antro jeri a matina, nun so come,
ner vedella p'er Corso la fermai:
— Oh! — feci — Mariantonia! Come stai? —
Dice: — T'avverto ch'ho cambiato nome:

Mó me chiamo Fifì; — dice — siccome
Mariantonia era brutto, lo cambiai... —
Dico: — Stai sempre in Borgo? — Oh, nun sia mai!
Suono alloggiata in dell'Hôtel de Rome!...

— Dunque te butta bene?... — Ciò un marchese!
— Ricco? — S'è ricco? T'hai da mette in testa
che me passa trecento lire ar mese!

Eh! mó nun so' più scema come allora!
Lo so, farò 'na vita disonesta,
ma, grazzie a Dio, sto come una signora!



Questa poesia è stata letta 1933 volte