Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Te ricordi de Checca la portiera
che sposò l'avvocato a via Fratina?
Dovressi vede come se combina!
È diventata 'na signora vera!

Infatti li giornali, stammatina
parlanno der gran ballo de jersera.
fra l'antre dame dicheno che c'era
Donna Francesca Stronsi e Signorina.

Tu pure, Mimma, stupida che sei,
se facevi 'na vita più tranquilla
te godevi la pacchia come lei:

solo con un pochetto de giudizzio
potevi diventà Donna Cammilla...
e, invece, resti donna de servizzio!



Questa poesia è stata letta 2835 volte