Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ogni tanto veniva in trattoria
pe' sonà quer violino strappacore
che quanno nun raschiava er «Trovatore»
martirizzava la «Cavalleria».

Successe che una sera, un avventore,
je disse: — Basta, co' 'sta zinfonia!
perché ciai rotto l'anima! Va' via!

Sempre una lagna! Brutto scocciatore! —
Ner sentì 'ste parole, er violinista,
radica vera de baron fottuto,
j'incominciò a sonà l'inno fascista.

Allora l'avventore, rassegnato,
arzò la mano in segno de saluto,
ma sottovoce disse: — M'hai fregato!



Questa poesia è stata letta 1314 volte