Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

E spenne e spanne, fra le donne e er gioco
e a furia de dà' feste e de dà' balli,
li quatrini finiva pe' buttalli
come se butta la cartaccia ar foco.

Ha visto sparì tutto a poco a poco:
er palazzo, la villa, li cavalli,
li servitori co' li bordi gialli,
er maggiordomo, er cammeriere, er coco...

E arazzi e quadri e lampadari e specchi...
Povera robba! Se n'annò a fa' fotte
da l'antiquari e da li robbivecchi.

Der patrimonio, ormai, nun j'è restato
che un'ottomana co' le molle rotte
e 'na cornice senza l'antenato.

II

Peppe de Borgo, er vecchio cammeriere
che lo servì nell'epoca più bella,
ha aperto un bucio, assieme a la sorella:
«All'antica osteria del Belvedere».

Er principe ce va tutte le sere
e lì, tra un mezzo litro e 'na ciaramella,
principia a raccontà quarche storiella
mentre accarezza l'orlo der bicchiere.

— Peppe, te n'aricordi de quer ballo
che, doppo cena, persi la pazzienza
e sfasciai fino all'urtimo cristallo?

— Sì. — dice Peppe — C'era Sciarla,
Orsini...
m'aricordo benissimo, eccellenza... —
Eppoi sospira: — Poveri quatrini! —

III

Eppuro, doppo quello ch'è successo,
spasseggia e se la fuma allegramente:
anzi, dar giorno che nun è più gnente,
è più che mai padrone de se stesso.

Se passa sotto, e je succede spesso,
ar palazzo abbitato anticamente,
arza la testa e guarda indiferente
la mostra d' un dentista che c'è adesso...

E rivede attraverso un finestrone
er Satiro che balla er sartarello
dipinto sur soffitto der salone;

allora, ripensanno ar tempo antico,
— Tu solo — dice — sei rimasto quello!... —
E lo saluta come un vecchio amico.



Questa poesia è stata letta 1486 volte