Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Ner paesetto de la balia mia
c'è 'na pace e 'na quiete che consola:
so' trenta case intorno a 'na chiesola
affumicate da la ferrovia.

Un po' più su se vede l'Abbazzia
e er campanile co' la banderola,
dove nun c'è che una campana sola
che serve pe' sonà l'avemmaria.

E da tant'anni la campana sona
come dicesse a tutta la vallata:
— A chi domanna, la Madonna dona... —

La banderola, invece, che nun gira
perché s'è aruzzonita, sta incastrata...
così nessuno sa che vento tira.

II

È un paesetto senza pretenzione,
benché su la piazzetta principale
c'è er Gran Caffè dell'Aquila Imperiale
dove c'entreno ar più dieci persone.

Ma la mejo bottega è lo spezziale
che tiè esposti in vetrina, a pennolone,
tre lavativi, e sotto l'iscrizzione:
«Preferite er prodotto nazzionale».

In mezzo, in un barattolo de vetro,
c'è ammalloppato un verme solitario
che a misurallo ce vorebbe er metro.

'Sto verme, che fu fatto co' la testa,
dicheno ch'è d'un reggio commissario
che se trovava lì per un'inchiesta.

III

Prima, tutte le sere, er farmacista
giocava a scopa ner retrobottega
cór curato, er dottore, er capolega
e er maestro de scôla communista.

Allora discuteveno e se spiega:
ma appena s'affermò l'idea fascista
fecero tutti un cambiamento a vista
e la riunione prese un'antra piega.

Adesso, infatti, er gioco è sempre quello,
però la commitiva resta zitta
e trova tutto bono e tutto bello.

S'abbada a la partita; ar più se critica
si quarchiduno imbroja o s'approfitta.
Ma, in questo qui, nun c'entra la politica.

IV

Er sor Checco er droghiere, anticamente,
faceva er magnapreti, tant'è vero
ch'er Circolo del Libero Pensiero
l'aveva nominato presidente.

Ma, adesso, un po' che serve er monastero,
un po' per annà appresso a la corente,
va sempre in chiesa come un pio credente
e pare convertito pe' davero.

E cià a bottega una Madonna antica,
una Madonna der Divino Amore,
che ner guardallo pare che je dica:

— Nun te ricordi che ner novantuno
stavi ner Comitato promotore
de l'onoranze pe' Giordano Bruno?

V

Ma a noi che ce ne preme se raggiona
cór tornaconto de la convenienza?
Oggiggiorno chi sarva l'apparenza
è sempre una bravissima persona.

— Eppoi; — dice er curato — quanno sona
l'ora de la Divina Providenza,
l'omo se ripulisce la coscenza
e se rimette su la strada bona.

Perché, chi s'allontana da San Pietro
e s'incammina per un'antra via,
a la lunga nun va che torna addietro. —

E se capisce: in un momento brutto,
er peggio miscredente che ce sia
j'abbasta un gnente pe' ricrede a tutto.

VI

Don Marco, ch'è un curato pacioccone,
è l'omo più contento e più felice
massimamente quanno benedice
la folla che se mette in ginocchione.

Da che c'è stata la Concijazzione
fioccheno li miracoli, e se dice
ch'un San Micchele Arcangelo in cornice
ha cambiato persino d'espressione.

Infatti, adesso, l'Angelo è contento:
pista la testa ar diavolo, ma pare
che se lo guardi con compiacimento.

E forse pensa: — Tanto, prima o poi,
appena se presenta un bon affare
faremo er concordato pure noi.



Questa poesia è stata letta 1474 volte