Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Somarello, appena ch'ebbe visto
che in testa d'un corteo c'era un Cavallo,
fece succede un mezzo acciaccapisto:
perché, co' la speranza d'arivallo,
scanzò la folla e ruppe li cordoni
a furia de zampate e de spintoni.

La gente protestò: — Che modo è questo
de fasse avanti? Brutto propotente!
Co' 'sti sistemi, sfido! Se fa presto!... —
Er Somaro rispose: — Certamente:
io m'ajuto a la mejo, mica è vero
che me posso fa' largo cór Pensiero...



Questa poesia è stata letta 1006 volte