Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Signori! Ir coccodrillo è un animale,
come loro vedranno dar groppone,
ch'ha là pelle durissima, la quale
gli arisiste a la palla der cannone.

Questo che ci presento ner gabbione
è un anfibbio vivente ar naturale:
cià l'istessa ferocia d'un leone,
e nasce ne la parte tropicale.

Ei vive drento e fuora ir fiume Gange;
è molto voracissimo e c'è il detto
che prima mangia il vuomo e poi lo piange.

Lagrimando si dà pe' le campagne...
— Entrate ne la gabbia, ah quel'ometto,
così ce fate vede come piagne...



Questa poesia è stata letta 1383 volte