Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA GIRAFFA E L'ELEFANTE

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

— Cara Giraffa, — disse l'Elefante —
de bestie buffe n'ho incontrate assai:
ma co' quer collo mai! Pari un gigante!

Quasi me fa l'effetto
ch'ogni giorno che passa
te ne cresce un pezzetto... —

La Giraffa rispose: — È naturale!
Er collo me s'allunga a mano a mano
aspettanno la Pace universale
ch'ho intraveduto sempre da lontano...

— È l'ironia der caso e der destino!
— sospirò l'Elefante persuaso —
Invece, a me, me s'è allungato er naso
perché l'ho vista troppo da vicino.



Questa poesia è stata letta 1595 volte