Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

La Vorpe fece un mese de priggione
perché s'era magnata sei galline.
— Spero che v'è servita de lezzione! —
je disse er Cane quanno l'incontrò.

La Vorpe je rispose: — Ve sbajate:
la pena l'ho scontata, e co' raggione,
pe' le galline che me so' pappate,
ma no pe' quelle che me papperò.



Questa poesia è stata letta 828 volte