Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Nun soffià più, risparmia la fatica,
— disse una Canna ar Vento —
tanto lo sai che nun me spezzi mica...
— Io — disse er Vento — sfido
l'arberi secolari e li sconquasso:
ma de te me ne rido! Me contento
che te pieghi e t'inchini quanno passo.



Questa poesia è stata letta 1162 volte