Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— So' propio stufo! — disse er Re Leone —
Tutti 'sti leccazzampe che ciò intorno
m'impedischeno er passo, e quarche giorno
me faranno pijà 'n inciampicone.

D'ora in poi, tutt'ar più, je do er permesso
de venimme, cór seguito, de dietro:
a distanza, però, de quarche metro
perché sennò me leccheno lo stesso.



Questa poesia è stata letta 1023 volte