Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER CANE LUPO E LA PECORELLA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Un Cane Lupo, fijo naturale
d'un lupo e d'una cagna,
fu preso da un mercante de campagna
che lo messe de guardia in un casale.

Lì conobbe una Pecora e ogni tanto,
quanno che l'incontrava in mezzo ar prato,
parlaveno der tempo ormai passato
e l'occhi je s'empiveno de pianto.

— Te vojo fa' conosce mamma mia;
— je disse un giorno er Cane — la vedrai:
è la cagna più bona che ce sia.

Spesso me fa le prediche e me dice:
Se voi vive felice
tratta le pecorelle
come tante sorelle...

E Dio, che vede tutto, ricompensa
o prima o poi qualunque bon'azzione...
— Beene! — belò la Pecora — ha raggione:
ma papà? che ne pensa?



Questa poesia è stata letta 2407 volte