Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

La mi' padrona dice che l'amore
dipenne dar capello de le donne:
ch'a li mori je piaceno le bionne
e i li bionni je piaceno le more.

Così, quanno madama la baronne
je manna un ufficiale pagatore,
pija la boccettina der colore
pe' tigne li capelli e lo confonne.

Se er marco è bionno la dipigno mora,
se è moro cambio boccia e je li bagno
co' l'acqua ossiggenata che l'indora.

Io poi, se sa, m'arègolo. Una sera
che venne a casa un principe castagno
la tinsi mezza bionna e mezza nera.



Questa poesia è stata letta 843 volte