Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Gè vù presante mammasè Mignone,
la famme più pelosa de l'Africa...
— Acciderba che straccio de barbone!
— Tu te la sposeressi? — Ah no! 'na cica!

Se sa, nun c'è bisogno che lo dica,
so' matrimogni de speculazzione:
la pijerebbe pe' li peli, mica
la vorebbe pijà pe' l'affezzione...

— Sì, ma a sposà un fenomeno vivente
è 'na cosa ch'a me poco me garba;
guarda, sortanto pe' 'n inconvegnente:

'na notte che te sveji insonnolito
vai pe' bacialla e, in der sentì la barba
nun sai più si t'è moje o t'è marito.



Questa poesia è stata letta 1372 volte