Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Ciò avuto sei padroni in vita mia:
— diceva un Cane a un Micio — e giurerei
d'esse stato fedele a tutti e sei,
perfino a chi m'ha detto: Passa via!

Per me nun c'è nessuna diferenza:
qualunque sia padrone, o bello o brutto,
bono o cattivo, l'ubbidisco in tutto
con una spece de riconoscenza...

— È una bella virtù la gratitudine:
ma, francamente, — j'arispose er Micio —
quello d'esse fedele è un sacrificio...
— Macché! —je disse er Cane — è un'abbitudine...



Questa poesia è stata letta 4524 volte