Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un povero Somaro d'una stalla
diceva a la Cavalla:
— Dimme la verità: te pare giusta
la maniera d'aggi de sto' padrone
ch'a te te sfiora appena co' la frusta
e co' me nun addopra ch'er bastone? —
La Cavalla rispose: — C'è er motivo.
Quanno l'Omo tiè sotto un animale
ricorre a quer potere esecutivo
che corrisponne ar fisico e ar morale.
Pe' famme ubbidì a me, basta una mossa,
un fischio, un nome, una carezza, un gnente;
co' te, che sei somaro e sei pazziente,
ce vô un tortore che t'arivi all'ossa.



Questa poesia è stata letta 972 volte