Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Perché me cacci? — chiese un vecchio Gatto
a una Guardia der Foro
che je dava lo sfratto.
— Li mici stanno bene a casa loro:
— disse la Guardia — nun te crede mica
che, co' tutte 'ste bestie, Roma antica
guadagni de prestiggio e de decoro...
Te la figuri un'epoca imperiale
co' li gatti che aspetteno la trippa
e l'avanzi incartati in un giornale?
o che stanno, magara, a fa' l'amore
tra le colonne indove Marco Agrippa
annava a spasso co' l'Imperatore?
— E va be'! — fece lui — Ma prima o poi,
quanno verranno in mezzo a le rovine
le sorche de le chiaviche vicine,
richiamerete certamente a noi...
Capisco: l'ambizzioni so' ambizzioni,
perché la storia è storia e nun se scappa:
ma li sorci, però, chi je l'acchiappa?
Mica ce ponno mette li leoni!



Questa poesia è stata letta 1278 volte