Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Ormai che me so' messo
su la via der Progresso,
— disse er Gambero all'Ostrica — nun vojo
restà vicino a te che sei rimasta
sempre attaccata su lo stesso scojo. —
L'Ostrica je rispose: — E nun t'abbasta?
Chi nun te dice ch'er Progresso vero
sia quello de sta' fermi? Quanta gente,
che combatteva coraggiosamente
pe' vince le battaje der Pensiero,
se fece rimorchià da la prudenza
ar punto de partenza?... —
Er Gambero, cocciuto,
je disse chiaramente: — Nun m'incanti!
Io vado all'antra riva e te saluto. —
Ma, appena ch'ebbe fatto quarche metro
co' tutta l'intenzione d'annà avanti,
capì che camminava a parteddietro.



Questa poesia è stata letta 1702 volte