Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Ragno stava a fa' la sentinella
per acchiappà un moscone ch'era entrato,
con un raggio de sole imporverato,
da la fessura d'una finestrella.
— Questo me lo lavoro de sicuro:
— pensava — tutto sta che se decida
d'entrà nell'ombra e d'accostasse ar muro... —
Ma er moscone, sbadato, se posò
su 'na striscia de carta moschicida
e, manco a dillo, ce s'appiccicò.
— Nun s'era mai veduto — strillò er Ragno —
un sistema più barbero e feroce... —
Ma sottovoce disse: — E mò, che magno?



Questa poesia è stata letta 4238 volte