Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Rospo, più burlone che maligno,
diceva all'Oca: — Bella come sei,
un po' ch'allunghi er collo, pari un cigno...
— Eh, mica hai torto! — j'arispose lei —
Co' 'sto cattivo gusto che c'è adesso
sarei più che sicura der successo. —

E a forza de ginnastica svedese
e a furia de sta' ar sole e de sta' a mollo
er fatto sta che all'Oca, doppo un mese,
je s'era quasi raddoppiato er collo:
e un Critico stampò sopra un giornale:
«La scoperta d'un Cigno origginale.»



Questa poesia è stata letta 1082 volte