Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

UN MARTIRE: L'UCELLO DE RICHIAMO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

— Perché — chiese un Fringuello a un Cacciatore —
me levi tutto quello
ch'esiste de più bello e de più santo?
La libbertà, l'amore,
l'aria, la luce, l'arbero, er ruscello...
La vita mia, che dovrebb'esse un canto
a la bellezza de la primavera,
in mano tua, diventa una galera,
una tortura, un pianto.
E devo pregà Iddio che nun me tocchi
de fa' la brutta fine der verdone
che, pe' fallo cantà fôr de staggione,
j'hanno levato l'occhi!

— So' infamie, sì, ma come vôi che faccia?
— rispose er Cacciatore — Raggionamo:
se nun ce so' 'sti mezzi de richiamo
è inutile annà a caccia.
E quanno l'Omo vô mannà per aria
quello ch'ha stabbilito la natura,
se nun ce pô arivà co' l'impostura,
ricorre a la barbaria,



Questa poesia è stata letta 1420 volte