Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Io me chiamo el felomeno vivente...
— La buggera, compare, si ch'artezza!
E a quela lì, pe' faje 'na carezza,
ce vô la scala-Porta, mica gnente!

— Fin dai primi anni della ciovinezza
mi sviluppai in d'un moto solprendente;
ora ch'ho sedici anni solamente
misuro due e cinquanta di lunghezza.

Anche mio padre è molto sviluppato...
— Ma a me nun me farebbe meravija
ch'un padre solo nun ce sii bastato.

Un omo solamente nun ciariva:
nun vedi quant'è longa: Quella è fìja
de quarche società coperativa!



Questa poesia è stata letta 954 volte