Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Quanno er Bagarozzetto de la rogna
guardò un compagno drento ar microscopio,
invece de morì da la vergogna,
s'intese stuzzicà ne l'amor propio;
tanto che disse: — In fonno in fonno, poi,
vedo che semo granni puro noi!



Questa poesia è stata letta 2438 volte