Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI SBAFATORI DE LA GLORIA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Un Aquila reale
s'era trovata, doppo una vittoria,
un fottio de pidocchi sotto l'ale.
Allora disse a Giove: — O sommo Dio!
se, come spero, passerò a la Storia,
nun ricordà chi c'era ar fianco mio...



Questa poesia è stata letta 767 volte