Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

La Vipera, che a maggio va in amore,
s'attacca tanto ar maschio inviperito
che quello more doppo avé sentito
l'urtima gioia e l'urtimo dolore.

Finito er tempo de la gravidanza,
l'aspetta un'antra bella fregatura
perché li fiji, è legge de natura,
prima d'uscì je strappeno la panza.

Er peggio è ch'ogni fijo, appena nato,
je zompa addosso senza compassione...
Io penso che la Vipera ha raggione
d'avecce er dente tanto avvelenato!



Questa poesia è stata letta 1219 volte