Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Dar giorno che cascai ner precipizzio
— diceva un vecchio Lupo — e me sgrugnai,
ho messo un pochettino de giudizzio. —
L'Omo je chiese: — 'Sti proponimenti
me ponno assicurà ch'hai perso er vizzio?
— Sì, — disse er Lupo — e piucchemmai li denti.



Questa poesia è stata letta 2589 volte