Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Le Favole oramai stanno in ribbasso:
a principià dar Mago e da la Strega,
che chiusero bottega,
puro le Fate so' rimaste a spasso
e vanno in compagnia de la Befana
che je fa da mezzana.
Perfino l'Orco, quello
che prima se magnava in un boccone
li regazzini vivi
quann'ereno cattivi,
adesso è diventato un bonaccione:
nun mette più paura
a nessuna aratura.
Anzi, la notte, spesso je succede
che vede in sogno tutto quer ch'ha fatto:
e allora fiotta, soffia come un gatto,
e piagne in bona fede...
Ma l'Orchessa, che dorme cór marito,
quanno sente 'ste buggere je strilla:
— Finiscela de piagne, arimbambito!
sennò... chiamo un balilla!



Questa poesia è stata letta 708 volte