Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L'Agnello disse a un Lupo: — Me so' accorto
che la notte t'imbocchi piano piano
pe' sgranfignà li broccoli dell'orto:
e da quant'è che sei veggetariano?
— Da quanno m'è rimasto un osso in gola,
— rispose er Lupo — magno l'erba sola...

Sto a reggime, capischi? E, dato questo,
nun è più er caso che te zompi addosso... —
L'Agnello disse: — Già: ma come resto
er giorno che guarischi e sputi l'osso?
Prima devo trovà chi m'assicura
come la penserai doppo la cura.



Questa poesia è stata letta 2228 volte