Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Re Pipino è indeciso a un punto tale
ch'appena s'arza chiede a l'Indovina:
— Esco o nun esco? Faccio bene o male?
Che vento tira? Er celo è brutto o bello?
Che pelliccia me metto stammatina?
quella del Lupo o quella de l'Agnello? —

L'Indovina risponne: — Je consijo
d'aspettà quela nuvola che corre,
che mó pare un leone o mó un conijo.
Se invece d'annà dritta verso er mare
se straccia fra li merli de la Torre
è segno che pô fa' come je pare. —

Ma Re Pipino resta un po' in pensiero
perché la nuvoletta a l'improviso
ha pijato la forma d'un gueriero.
— Sarà mejo che vada o che nun vada? —
sospira er Re: poi sorte e, ormai deciso,
apre l'ombrello e sfodera la spada.



Questa poesia è stata letta 1208 volte