Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L'ORSO VENDITORE DE FUMO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Un Orso se vantava con un Gatto:
— Per me la Reggia è come casa mia.
Er Re Leone me vô un bene matto,
me tratta a tu per tu! Prova ne sia
ch'a mezzoggiorno ciò l'appuntamento:
se m'aspetti un momento, vado e torno... —

L'Orso, infatti, annò su; ma er Re Leone,
appena se lo vidde comparì,
vortò la schina, arzò la coda e... praffete!
E l'udienza finì.
— Embè? —je chiese er Gatto — Ciai discorso?
Che t'ha detto? Racconta! Com'è annata?
— Nun me lo domannà! — rispose l'Orso —
Se tratta d'una cosa delicata...



Questa poesia è stata letta 687 volte