Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Ched' e la Libbertà? Mó te lo spiego:
— diceva Menepijo a Menefrego —
la Libbertà d'un popolo è compagna
all'acqua che viè giù da la montagna.
Se la lasci passà dove je pare
se spreca ne li fiumi fino ar mare:
ma, se c'è chi la guida e la riduce
e l'incanala verso l'officina,
appena ariva smove la turbina,
diventa forza e se trasforma in luce.

— Bella scoperta! Grazzie der consijo!
— rispose Menefrego a Menepijo —
Ma quanno l'acqua ha smosso ner cammino
una centrale elettrica o un mulino,
se canta o se barbetta nun è male
lasciaje un po' de sfogo naturale.



Questa poesia è stata letta 2995 volte