Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LE PRETESE DER CAMALEONTE

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Mentre cantava l'inno ar Solleone,
una Cecala se trovò de fronte
a tu per tu con un Camaleonte
più nero der carbone.

— Quant'è che me rifriggi 'sta canzone!
— incominciò a di' lui. — Lascela perde!
Me la cantavi ar tempo ch'ero rosso,
me la cantavi ar tempo ch'ero verde...
Che vai cercanno? che te zompi addosso?
— Io canto ar sole, — je rispose lei —
e la luce der sole è sempre eguale:
che vôi che ce ne freghi, a noi cecale,
de che colore sei?



Questa poesia è stata letta 746 volte