Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA CONSEGNA DER PORTIERATO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

I

Capischi? La raggione principale
ch'io me ne vado è questa: er mi' padrone
nun vô che m'allontani dar portone;
dice: — Tu fai er portiere... — È naturale.

Ma, adesso, ciò 'na carica sociale,
so' er presidente d'un'associazzione;
oggi o domani c'è la commissione,
dove vôi che la faccia? pe' le scale?

Mi' moje? Ma mi' moje è consijera
d'una lega operaglia femminile:
mica s'adatta a faje la portiera!

Sarebbe stato troppo sacrifìzzio;
dovenno sceje società o cortile,
avemo preferito er sodalizzio!

II

Che fo er portiere qui, sarà sicuro
dicidott'anni... Embè, pe' quanto sia
ch'ho trôvo un sito mejo, t'assicuro
che me ce piagne er core d'annà via.

Perché vedrai che in de 'st'azzienna mia
c'è da fa' poco e gnente: credi puro,
che levato quer po' de pulizzia,
tutt'er giorno te dài la testa ar muro.

Tu, la matina, appena ce se vede,
te fai quela scopata pe' le scale,
allustri tutto e t'arimetti a sede;

la sera accènni er gasse: e manco questa
se pô chiamà fatica materiale...
So' sei famije e cianno un becco a testa.

III

Percui nun è da di' che se fatica,
anzi se perde er tempo inconcrudente;
però, co' questo, nun te crede mica
ch'a fa' er portiere nun ce voji gnente!

Ce vô gran segretezza co' la gente...
Presempio, io so ch'er conte cià l'amica,
io so che la contessa cià er tenente...
Embè, pe' questo? credi che lo dica?

Poi, rispetta er padrone... Ah, è bono assai!
Ma, si s'arabbia, abbada ch'è feroce!
Nun vô che j'arisponni... nun sia mai!

Io lo buggero bene! Quann'ho sonno,
che lui s'arabbia e fischia ar portavoce,
p'arispettallo manco je risponno!

IV

E adesso te do quarche spiegazzione
sopra l'appiggionanti: ar primo piano
c'è un celebre dentista americano
che da un anno nun paga la piggione.

Siccome dà la mancia, vacce piano:
cerca d'usaje tutte l'attenzione;
s'in caso j'hai da dà' 'na citazzione,
di': C'è una carta... e je la metti in mano.

Jeri, siconno er solito, l'uscere,
quello sciancato co' li baffi tinti,
j'ha pignorato tutte le dentiere.

Figurete le povere crienti
che staveno a aspetta li denti finti...
Je so' arimaste tutte senza denti!

V

Ar siconno ce so' du' forastiere,
du' francese, le possin'ammazzalle,
che ogni tanto me chiameno: — Portiere,
m'allé a comprare Le petì giurnalle? —

Pe' dua, tre, quattro vorte, buggiaralle,
dico: va bè', je se pô fa' er piacere...
Ma, cacchio, nun bisogna abbitualle:
mica so' diventato er cammeriere!

Mó nun te dànno più manco la mancia...
E la corpa è der Papa: ha fatto male
a róppe li rapporti co' la Francia!

Fuss'io ministro, senza tante storie,
farebbe fa' 'na legge in de la quale
ce fossero le mance obbrigatorie!

VI

Quello che sta affacciato a la finestra
è un attascè todesco, sarvognuno,
che sta attaccato a un' imbasciata estra:
però, da certi, ho inteso a di' ch'è uno...

Abbasta, io nun m'impiccio de gnisuno,
ma so che va a... studià da 'na maestra
che sta a via Cavallini, settantuno,
lettera cappa bisse, scala a destra...

Lo so perché je porto l'imbasciate:
e, co' 'sta cosa, a dilla fra noi dua,
nun so si quante lire j'ho levate...

Se sa, lo fo scajà: pe' quanto sia,
lui sta attaccato a l'imbasciata sua,
io sto attaccato a l'imbasciata mia.

VII

Ar sesto c’è vienuta una signora
che s'impegna ogni tanto quarche cosa;
io n'ho vista de gente migragnosa,
ma come questa... ammazzela! t'accora!

Pe' causa de sta brutta mocciolosa
c'è la fila; cominceno abbonora:
er fornaro, er droghiere, la sartora,
l'oste, la trattoria de piazza Rosa...

Lei, invece de paga li creditori,
rigala li mazzetti ar capitano
e spenne li quatrini pe' li fiori!

Antro che le gionchije e li garofoli!
Ma che paghi piuttosto l'ortolano
che j'avanza sei lire de carciofoli!

VIII

Mó tocca a te: siccome io t'ho proposto,
nun me fa' sfigurà, fa' er tu' dovere.
Io ch'oramai so' vecchio der mestiere
so come se guadambi a sta' a 'sto posto.

Ce scaji sempre: o fai quarche piacere,
o quarche imbasciatella d' anniscosto...
Eppoi a Natale, a Pasqua, a feragosto...
So' queste le risorse der portiere.

S'io nun ciavevo moje, s'ero solo,
si facevo una vita un po' più seria,
ero più ricco d'un pizzicarolo...

Invece ho speso tutto, e, a mano a mano,
guarda: me so' aridotto a la miseria
che sto peggio d'un principe romano!



Questa poesia è stata letta 908 volte