Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

C'era una vorta un poverello muto
che, volenno di' male d'un Governo,
agnede a messa e chiese ar Padreterno
la grazzia de parlà per un minuto.
— Fate, o Signore, che, per un momento,
je dica chiaro come me la sento... —
E er Padreterno, ch'è bontà infinita,
lo fece riparlà tutta la vita.



Questa poesia è stata letta 1698 volte