Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

La luce se sbiadisce e le Galline,
ch'aritorneno a casa una pe' vorta,
se lagneno ch'er Gallo su la porta
nun je dà più le solite occhiatine.
— È già da quarche giorno
che nun ce guarda e ce trascura l'ova...
— Pe' me, gatta ce cova!
— Chissà che scivolosa ciavrà intorno!...
— E purtroppo è così! — strilla una Biocca —
Da che s'è messo co' la pollanchella
nun ingalla che quella
e guai chi je la tocca!
— Fosse armeno de razza, meno male!
Ma ne viè da un cortile e c'è chi dice
ch'è nata cór calore artificiale
perché è la fija d'un'incubbatrice...
— Se nasce bene o male nun m'importa!
— barbotta er Gallo — Io guardo come vive,
come fa l'ova e come se comporta. —

Le Gallinelle, stupide e cattive,
una per una imboccheno la porta...



Questa poesia è stata letta 1002 volte