Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

PASQUINO, SEMPRE SCONTENTO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

— Povero mutilato dar Destino,
come te sei ridotto!
— diceva un Cane che passava sotto
ar torso de Pasquino —
Te n'hanno date de sassate in faccia!
Hai perso l'occhi, er naso... E che te resta?
un avanzo de testa
su un corpo senza gambe e senza braccia!
Nun te se vede che la bocca sola
con una smorfia quasi strafottente... —
Pasquino barbottò: — Segno evidente
che nun ha detto l'urtima parola.



Questa poesia è stata letta 1471 volte