Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Tu sei lo specchio de la perfezzione.
— diceveno le bestie ar Re Leone —

In tutto quer che dichi e quer che fai
ciazzecchi sempre e nun te sbaji mai. —

Er Leone ruggì, smosse la coda
e disse: — Fra 'sta gente che me loda

se c'è, per caso, quarche bestia amica
pronta a famme una critica, lo dica.

Me so' scocciato ormai d'esse perfetto!
Coraggio! Su! Trovateme un difetto!

— Io te lo dico... — se n'uscì un Conijo —
ma solamente da lontano un mijo:

forse un difetto te lo riconosco,
ma te lo strillo quanno sto ner bosco... —

E je lo disse tanto mai distante
che la voce se perse fra le piante.



Questa poesia è stata letta 1701 volte