Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ce semo. Tra un minuto scopriranno
er busto der filosofo ch'aspetta,
in mezzo a la piazzetta,
coperto con un panno:
(se ne vede una fetta).

Gente, bandiere, musiche
e tutta quanta un'allegria de sole.
Silenzio! Fermi! Arriva l'onorevole.
Dirà poche parole.

— Cittadini! Quer marmo che ricorda
l'illustre Marco Mappa... — E ar punto giusto
squilla la tromba, tireno la corda,
er panno casca e comparisce er busto.

— Uh! quanto è buffo! — Pare Purcinella...
— Perché ce l'hanno messo?... — E chi lo sa?
— Era un gran genio. — Nun discuto, ma...
me ce piaceva più la fontanella. —

Finita ch'è la festa e la cagnara,
la folla se sparpaja e nun rimane
che Marco Mappa, solo come un cane,
infregnato ner marmo de Carrara.



Questa poesia è stata letta 2339 volte